venerdì 2 giugno 2017

Tutte le cose paurose (purtroppo) finiscono



Ci ho pensato molto prima di decidere di mettere la parola fine a questo blog. Ho pensato a tutte le persone che in questi mesi hanno letto i miei “dietro le quinte”. Ho pensato che forse avrei potuto allungare ancora l’agonia, rimanere ancora un po’ nel limbo, aspettare ancora ad oltrepassare la soglia. Ma poi ho realizzato che era ora di andare, di fare il grande pass, di lasciare la carne e diventare finalmente …ossa.


Sono passati otto mesi dal 31 ottobre 2016, notte di Halloween, data in cui il mio romanzo è uscito... dalla tomba.  Otto mesi per un libro possono essere un’eternità. I tempi veloci e spietati della nostra società fanno sì che ciò che è nuovo oggi, domani sia irrimediabilmente vecchio e dimenticato. Praticamente defunto. Per fortuna invece “Welcome to Insomnia” continua a prosperare e vivere, si fa per dire... Domani ad esempio racconterò le mie storie paurose ad un nuovo pubblico e per l’estate sono previsti ancora ben quattro “Welcome to Insomnia rock live”, concerti  dal vivo e reading con la Rizza Jordan rock band!

  Ma prima di chiudere questa bella esperienza, vorrei scrivere un ultimo messaggio per ringraziarvi, per abbracciarvi virtualmente tutti. Non so chi siete. Come amministratore del blog posso sapere che in tanti avete letto i miei post: si va da un massimo di circa 170 contatti a un minimo di 60, ma non ci sono i nomi e i cognomi.  Sommando tutti i post arriviamo a qualche migliaio di contatti. Non so chi siete, cari lettori, ma posso immaginarlo. Immagino i volti di tante persone care che mi hanno messo un “like” su facebook, che mi hanno telefonato, che mi hanno chiesto una dedica sul romanzo alla fine delle presentazioni, o semplicemente che hanno letto “Welcome to Insomnia” e si sono appassionati alle mie storie.

In questi mesi sono andato in tante scuole, biblioteche, festival. Ma non sempre è stato facile. Ho spesso subito una moderna forma di inquisizione e di censura. Pensate che in una scuola, dopo che una insegnante mi aveva chiesto una presentazione, il collegio docenti si è opposto perché in classe c’erano situazioni simili a quelle da me descritte nel libro (bullismo? Famiglie arcobaleno? Problemi sul web?) e non se la sentivano di trattare in classe l’argomento. In un’altra scuola, superiore per giunta, è stata la preside (volutamente con al lettera minuscola) a proibire l’incontro, già da mesi organizzato, perché si configurava come “pubblicità di attività commerciale”. in un’altra scuola ancora  alcuni genitori si sono opposti al fatto che i figli partecipassero ad una attività collegata al mio libro perché non erano d’accordo con i contenuti del romanzo. Mi è davvero dispiaciuto, ma l'ho accettato.

Ecco perché volevo davvero dirvi grazie con tutto il cuore, prima che smetta di battere. Perché se questo piccolo libro ha fatto parlare di sé, nel bene e nel male, se è stato e sarà ancora a lungo letto, è stato soprattutto grazie a voi che mi avete confortato nei momenti bui e avete gioito con me in quelli di soddisfazione e soprattutto perché… avete avuto il coraggio di avere paura ;)

Un  grande abbraccio e ultimo brivido nella schiena dal  vostro fantasmatico Marcus Stranaluna.
gianlucaalzatiinsomnia Web Developer

Nessun commento:

Posta un commento